LA MEDICINA GRECO-ROMANA

treebook

STORIA DELLA MEDICINA

                                                                                                   LA MEDICINA GRECO-ROMANA

La medicina greca di Alessandria influenzò Roma, nonostante l’iniziale resistenza dei romani. A Roma la medicina era praticata in ambito familiare (il medico di famiglia era il pater familias, che aveva il potere assoluto sulla famiglia) e nessuna teoria vera e propria vi era alla sua base, risultando, perciò, una scienza empirica, anche se razionale.

I medici, per lo più schiavi o liberti, che pretendevano un onorario per le loro cure, cosa che destava scandalo presso gli aristocratici tradizionalisti, erano considerati come utili artigiani tanto che molti signori istruivano alla medicina gli schiavi più dotati per tenerli presso di loro come medici personali o di famiglia servendosene, come permetteva la legge, anche dopo la loro liberazione.

Una vera e propia formazione all’arte della medicina non esisteva in Roma. Galeno, nel II secolo d.C., nota come molti dei suoi presunti colleghi non sappiano neppure leggere mentre il medico Tessalo, vissuto durante il governo di Nerone, pretende di formare alla medicina in meno di sei mesi.Chiunque poteva dichiararsi medico e senza nessuna cognizione teorica o esperienza pratica aprire un ambulatorio. L’esercizio della professione era remunerativo e molti, del tutto inesperti, come ciabattini e tessitori, diventavano da un giorno all’altro medici o meglio lo diventavano facendo esperienza sulla pelle dei loro pazienti.

Quello che noi oggi chiamiamo lo studio del medico nell’antica Roma non si distingueva dalle altre botteghe presenti nel foro che gli archeologi sono in grado di identificare solo per i reperti di strumenti medici ivi ritrovati. L’arredamento era piuttosto semplice: cassapanche e cassette per gli strumenti medici, le medicine, teli e bende, anfore con acqua, olio e vino, due sedie e sgabelli e spesso anche un lettino. Nella completa mancanza di ospedali civili, vicino all’ambulatorio vi era una specie di lazzaretto per la degenza e l’osservazione dei pazienti operati.

Il medico nell’antica Roma era di solito un professionista “generico” che non aveva una precisa specializzazione, con l’eccezione di alcune grandi città dove esercitavano rari medici specialisti che divengono più numerosi a partire dal I secolo d.C. in tre settori della medicina: la chirurgia (chirurgus), l’oculistica (ocularius) e l’otorinolaringoiatria (auricularius). Alcuni come un tale Decimio Eros Merula di Assisi aveva una doppia specializzazione in chirurgia e oculistica e per questo motivo, come attesta un’iscrizione sul suo sepolcro, accumulò tanto denaro da lasciare il comune erede di una grossa donazione.

I medici più noti ed apprezzati raggiungevano dei redditi annui molto elevati sino a parecchie migliaia di sesterzi giungendo ad accumulare patrimoni milionari ottenuti anche con il “regalo d’onore”, da cui il termine “onorario”, con cui i malati più ricchi risanati usavano premiare il medico competente con del denaro in sovrappiù di quello richiesto.

Alcuni invece, per avidità si comportavano in modo difforme dall’etica della professione prolungando costose cure per una malattia già sanata oppure pretendendo somme ingenti per una medicina di poco prezzo o addirittura portando a morte un paziente che avesse incluso il proprio medico nel suo testamento.

Uno specialista molto attivo nell’antichità era l’ oculista, il che fa supporre una diffusione delle malattie collegate agli occhi come attestano i frequenti, circa 300, ritrovamenti archeologici nelle regioni occidentali dell’Impero, del cosiddetto “pestello dell’oculita”, consistente in una piccola piastra di pietra, di circa 5 centimetri di lato, su cui era iscritto il nome del medico e il principio attivo della medicina con le relative indicazioni. Il pestello veniva adoperato come un mortaio per realizzare unguenti particolari che venivano essiccati ed usati come colliri (panini) come “la pomata di Onesto Lautino contro vecchie cicatrici” (Honesti Lautini diamisus ad veter[es] cica[trices])

La letteratura medica dell’epoca è ricca di trattati dedicati alla ginecologia ma non vi sono prove, ad eccezione di una fonte (cfr. Sorano, III, pr.), che attestino la professione di ginecologi come medici specializzati. Nei parti aveva maggiore importanza la funzione dell’ostetrica mentre il medico svolgeva una azione di sostegno nei casi difficili. É probabile che i pochi medici donna di cui abbiamo testimonianze fossero specializzate proprio in ginecologia dove ci si avvaleva di strumenti abbastanza evoluti come lo speculum vaginale.

Poiché, come per il medico generico, anche per lo specilista non esisteva alcuna formazione o autorizzazione pubblica, non mancavano ciarlatani che con poco spesa si inventavano strane specializzazioni come quella per rimuovere i marchi a fuoco di ex schiavi, per la bruciatura di ciglie o per le fratture o come quei specialisti delle malattie della pelle che affluirono numerosi dall’Egitto, per arricchirsi con le loro prestazioni ai romani colpiti da una epidemia di lebbra.

L’odontoiatria non costituiva una specializzazione particolare molto diffusa ma era in genere esercitata dai chirurghi che la praticavano, in assenza di anestetici efficaci, in modo molto doloroso per i malcapitati. Inoltre le conoscenze del tempo permettevano di applicare protesi dentali e di sostituire denti cariati con altri di avorio o metalli.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

La medicina arrivò a Roma con la conquista della Grecia. Auruspicina etrusca e teorie mediche della Magna Grecia sono le fondamenta sulle quali nacque la medicina romana. Essa si sviluppò grazie all’apporto di conoscenze provenienti dalla Grecia; furono moltissimi, infatti, i medici greci che operarono nell’Urbe. A Roma fare il medico era considerata cosa disdicevole, che poteva fare solo uno straniero. Siccome la Grecia, dopo la conquista romana, era poverissima per le numerosissime guerre che l’avevano dilaniata, ci furono numerosi medici che si vendettero come schiavi per poter andare a Roma ad esercitare la propria arte. Molti di questi divennero famosi e si comprarono la libertà, divenendo dei liberti. Nonostante la fiducia dei tradizionalisti i medici greci o forestieri si affermarono in Roma tanto che sia Cesare che Augusto concessero loro il diritto di cittadinanza e vietando che potessero essere rimandati ai loro luoghi d’origine.

I principali scrittori di medicina nel I e II secolo d.C. e medici famosi furono: il medico greco Pedanio Dioscoride, il primo botanico medico scientifico; il medico greco Arteo di Cappadocia, un discepolo di Ippocrate; l’anatomista greco Rufo di Efeso, noto per i suoi studi sul cuore e sugli occhi; il Greco Sorano di Efeso che pubblicò un trattato di ginecologia. il medico romano Aulo Cornelio Celso, autore di un’enciclopedia di medicina;

I pensieri

I Metodici (I sec. a.C.)

Si sviluppò a Roma nel I secolo a.C. e ebbe maggior fortuna. Il suo fondatore fu Temisone di Laodicea, allievo di Asclepiade di Prusa. Temisòne influenzò moltissimo la cultura medica romana. Asclepiade di Prusa (130 a.C.) svolse un ruolo importante nella diffusione della medicina greca a Roma nel I secolo a.C. Contrario alla teoria degli umori, Asclepiade sosteneva che il corpo fosse composto da particelle staccate, o atomi, separati da pori (canalicoli), e che la malattia fosse causata dall’alterazione del moto ordinato degli atomi o dal blocco dei pori, che egli tentava di guarire tramite l’esercizio fisico, i bagni e le variazioni della dieta, piuttosto che con i farmaci. Questa teoria venne ripresa periodicamente e in varie forme fino al XVIII secolo. Fu un ottimo medico pratico e utilizzò abbondantemente le cure termali e l’idroterapia. I Metodici si impegnarono duramente nel tentativo di classificare tutte le malattie e le cure allora conosciute; le teorie degli Empirici furono il loro punto di partenza. Il più noto tra i Metodici fu Sorano di Efeso (I / II sec.),, un medico greco che che registrò nozioni di ostetricia e ginecologia, apparentemente basate su dissezioni umane, e che, sebbene aderisse alla scuola di Asclepiade, distingueva le malattie in base ai sintomi e al decorso; pubblicò un trattato di ginecologia. Operò a Roma durante l’Impero di Traiano e di Adriano.

I Pneumatici (I sec. a.C.)

La dottrina dei Pneumatici si sviluppò a Roma al tempo di Nerone e Vespasiano (I sec. a.C.). Secondo i membri di questa scuola la base della vita è lo Pneuma, un agente capace di raggiungere ogni parte del corpo trasportato del sangue, producendo il “calore animale”. L’intuizione dei Pneumatici è notevole e anticipa la scoperta delle funzioni dell’ossigeno nell’organismo. Agatino di Sparta, Archigene di Apamea ed Erodoto sono i più noti esponenti dei Pneumatici.

Gli Eclettici (I sec. a.C.)

La scuola degli Eclettici convisse a Roma con quella dei Pneumatici nel I secolo a.C. Secondo gli Eclettici nessuna delle teorie mediche allora conosciute era del tutto convincente. Per questo selezionarono dalle altre dottrine le idee che ritenevano migliori, riunendole in un corpus personale. Tra gli Eclettici si ricordano Arateo di Cappadocia e Pedànio Dioscoride. Dioscuride Pedànio (I sec. D.C.), importantissimo trattatista, fu il fondatore della botanica farmaceutica, e pubblicò un libro, intitolato De materia medica, che rimase come base della farmacologia fino al primo ‘800.

AULO CORNELIO CELSO  (Fine del I sec. a.C.)

Fu l’unico vero romano tra i grandi medici che operarono a Roma. Nacque alla fine del I secolo a.C. da una famiglia patrizia. Non fece parte di nessuna delle scuole mediche dell’epoca; nella pratica si rifaceva agli insegnamenti di Ippocrate e Asclepiade. Della sua immensa opera enciclopedica “De artibus” è arrivata fino a noi solo la sezione “De medicina”: un compendio di medicina in otto volumi. Celso (14 A.C.-37 D.C.) fece una sorta di enciclopedia medica in cui trattò argomenti di chirurgia, di medicina dal punto di vista di un erudito, piuttosto che da quello di un conoscitore dell’argomento, facendo un grande elenco di pratiche comuni a Roma. Descrisse i sintomi delle malattie in modo molto accurato: dalle sue parole possiamo riconoscere disturbi noti e diffusi anche ai nostri giorni. Celso fu un punto di riferimento per i medici del Medioevo. Inventò una terminologia medica ancora usata nella medicina moderna. Da qui possiamo però farci un’idea dello sviluppo raggiunto dalla chirurgia in quell’epoca, soprattutto in alcuni campi, quali l’odontoiatria. La chirurgia odontoiatrica è di origine etrusca, i quali erano abili dentisti: si hanno, infatti, immagini di protesi dentarie, di impianti di denti. Grande importanza ebbe l’erboristica anche se, anch’essa, usata in maniera molto empirica.

GALENO (II sec. d.C.)

Galeno

Galeno

Il medico più importante e noto dell’epoca romana, che lasciò una traccia importantissima nella cultura occidentale, fu Galéno (131 D.C.-201 D.C.) il pergameno. Galeno di Pergamo, greco, fu il medico più rilevante di questo periodo; l’importanza di questo medico, nella storia della medicina antica, è seconda solo a quella di Ippocrate. Questi nacque a Pergamo intorno al 130 d.C. ed era figlio dell’architetto dei re, proveniva dunque da una famiglia facoltosa; studiò a Corinto, Smirne e Alessandria e dopo il tirocinio ad Alessandria passò a Roma, dove fece il medico dei gladiatori e di Marco Aurelio , acquisendo quindi una certa infarinatura anatomica, anche se, seguendo i concetti greci, si dedicò soprattutto alla dissezione degli animali. Tra questi i più studiati erano il maiale (“l’animale più simile all’uomo”, a detta di Galeno) e la scimmia . Galeno intuì l’importanza fondamentale degli organi e di molti anche il loro effettivo ruolo; ad esempio capì che le vesciche urinarie non producevano urina, ma che questa proveniva dagli ureteri (lo dimostrò legando gli ureteri), descrisse per la prima volta il nervo ricorrente. Ebbe molta importanza come medico pratico: basandosi sulle piante medicinali introdusse farmaci di grandissima importanza, introdusse, ad esempio, l’uso della corteccia di salice, del laudano (tintura di oppio) come anestetico. Però insieme a questi reclamizzò dei farmaci completamente inutili, tra cui la triacache veniva venduta nelle farmacie. Venne utilizzata fino alla fine del 1700. Nonostante le sue numerose intuizioni, poiché la teoria più accettata all’epoca era quella ippocratica, egli, pur con qualche introduzione di elementi estranei, sposò la teoria degli umori. Anzi, esasperò l’aspetto terapeutico della materia peccans. Tra la materia peccans vi era il pus, che venne chiamato da Galeno “bonum et laudabile”, perchè era espressione di materia peccans che doveva essere eliminata: aveva capito che il pus era una sostanza da eliminare. Purtroppo, però, soprattutto dagli epigoni di Galeno tale teoria venne sfruttata in senso stretto: dicevano infatti che le ferite non dovevano guarire per prima intenzione, ma doveva formarsi prima pus: era quindi necessario bruciare la ferita in maniera tale da provocare la sua formazione, perchè solo così le ferite guarivano meglio. Tale concetto restò valido sino alla fine del 1500. Galeno portò, inoltre, all’esasperazione anche altre metodiche terapeutiche, quali il salasso. Nel suo concetto introdusse anche il concetto metodista dei pori: ciò, però, fu travisato ed interpretato come un invito, fatto da Galeno, a non lavarsi. Rimase nell’Urbe fino alla morte, intorno al 200 d.C.

 

Galeno e Ippocrate

Galeno e Ippocrate

Galeno descrisse i quattro sintomi classici dell’ infiammazione (rubor, dolor, calor, tumor, ossia arrossamento, dolore, calore e gonfiore) e contribuì notevolmente alla conoscenza delle malattie infettive e alla farmacologia. La sua conoscenza anatomica degli esseri umani era incompleta, in quanto era fondata sulla dissezione delle scimmie.

Scrisse un enorme corpus di opere mediche. Galeno racchiuse tutto lo scibile medico dei suoi tempi in circa 400 opere; solo 83 di queste sono giunte fino a noi. La più nota è il “De arte medica”, una guida sintetica alla pratica medica che fu molto usata nel Medioevo. Alla base delle teorie di Galeno ci sono l’approccio clinico di Ippocrate e il metodo filosofico di Aristotele. Di Aristotele accetta il principio teologico, che riporta ogni effetto ad una causa. Tale principio era adottato anche dalla filosofia cristiana: ciò decreterà il grande consenso che Galeno raccolse nei secoli successivi.

Galeno. De pulsibus

Manoscritto Greco

Dopo Galeno ci furono una moltitudine di medici fronte che operarono nell’impero d’occidente ma soprattutto in quello d’oriente, con conseguente passaggio del sapere dall’Occidente all’oriente.

I ROMANI

L’ IGIENE PUBBLICA ROMANA

La medicina romana si connette alla medicina di altri popoli latini e alla medicina magica etrusca: si narra in scritti di Eschilo e Teofrasto che i figli della Maga Circe, esperta in farmaci, divennero Principi etruschi esperti nell’arte della madre; Esiodo parla della grande rinomanza dei medici etruschi attenti all’igiene per esempio, attraverso le opere di canalizzazione ritenute importanti per l’agricoltura ma anche per l’eliminazione delle acque putride fonti d’infezioni.

Come i greci, i romani utilizzarono vari rituali religiosi per la guarigione, perché credevano all’origine soprannaturale di molte malattie ma, a differenza della società greca che riteneva che la salute fosse un fatto privato e personale, il governo romano tutelò e incoraggò il miglioramento della sanità pubblica. Inoltre, accanto a una medicina privata, Roma aveva istituito una comunità di servizi igienici e sanitari con lo scopo di prevenire le malattie attraverso il miglioramento delle condizioni di salute con la costruzione di acquedotti per portare acqua in città, di bagni pubblici e di reti delle acque reflue. Nell’epoca greca e poi romana ci fu un grandissimo sviluppo dell’igiene. I romani si lavavano moltissimo, ne è un esempio l’uso e il numero delle terme allora esistenti. I bisogni fisiologici non venivano più espletati nell’ambiente esterno o in luoghi aperti comuni (vicoli, spiazzi..), ma in apposite costruzioni, le latrine pubbliche, dotate di sistema idrico e di sistema fognario. A Roma vi era un efficace apparato fognario oltre ad un efficientissimo sistema idrico. In ogni casa, non solo in quelle dei ricchi, ma anche nelle insulae, che erano le case popolari anche nelle insulae, che erano le case popolari dell’epoca, vi era una fontana, l’acqua corrente, portata in ogni casa dagli acquedotti. Questi acquedotti, costituiti da tubi di piombo, materiale molto malleabile, furono imputati del crollo dell’impero romano, a causa della malattia causata dai sali di piombo, il saturnismo. In realtà pare che non fosse tanto l’acqua inquinata a determinare tale malattia, ma il vino. L’acqua , infatti, non depurata proveniente da zone montane, era ricca di sali di calcio, i quali, col tempo, depositandosi sulle pareti delle tubature, costituivano un rivestimento capace di trattenere i sali di piombo, che non venivano più a riversarsi nell’acqua corrente. Il vino risultava invece, alla fine , ricco di sali di piombo, che sono solubili, in quanto questi venivano utilizzati, alla stregua del bisolfito usato oggi, per controllare la fermentazione del vino.

I romani contribuirono quindi al progresso della medicina soprattutto nel campo della sanità e dell’ igiene pubblica: i vespasiani, gli acquedotti, e gli ospedali pubblici dei romani sono rimasti insuperati fino ai tempi moderni. Le terme, l’ordinamento dei parchi, la sorveglianza igienica sugli alimenti, le cloache e le leggi sanitarie a difesa della salute pubblica sono, attraverso le scuole, conosciute e rinomate in tutto l’impero; Roma diviene maestra di igiene sociale nel mondo. Nel III secolo d.C. tutto l’insegnamento è riordinato, la medicina greca è applicata, codificata perfettamente, con evoluzione nelle regole igieniche. Il medico più importante dell’epoca romana, che lasciò una traccia importantissima nella cultura occidentale, fu Galéno (129 D.C.-200 D.C.) il pergameno .

La classe medica ha una posizione importante nella società e nello stato, la medicina legale è importantissima nel complesso delle leggi e lo stato affida al medico la cura e la responsabilità della salute del cittadino.

La graduale infiltrazione nel mondo romano di vari popoli stranieri fu seguita da un periodo di crisi nelle scienze. La medicina occidentale nell’Alto Medioevo fu costituita da elementi popolari, frammisti ad alcune nozioni classiche, spesso mal comprese e applicate. Perfino nella sofisticata Costantinopoli vi fu un recupero di pratiche magiche. Solo pochi e insigni medici greci, come Oribasio, Alessandro di Tralles e Paolo di Egina mantennero vive le antiche tradizioni, nonostante la decadenza.

                                                                                                                                                               MEDICINA MILITARE ROMANA

Chirurgia nell' antica Roma

Chirurgia nell' antica Roma

Con la riforma dell’esercito di Augusto vennero introdotti i medici militari che avevano ricevuto, al contrario di quelli civili, una specifica formazione. I medici militari vengono arruolati come gli altri soldati e rimangono in servizio per circa 16 anni presso i valetudinaria, qualcosa di molto simile ai moderni ospedali.

Negli accampamenti era quasi sempre presente una grande infermeria i cui resti sono stati trovati in diverse città-accampamento con a capo il “medicus castrensis”, esentato da ogni altro servizio, assistito da capsarii (infermieri guardarobieri), frictores (massaggiatori), unguentari , curatores operis (addetti al servizio farmaceutico), optiones valetudinarii (addetti al vitto e all’amministrazione).

La cavalleria possedeva propri medici (medici alarum) così come nella marina vi erano i medici triremis. Vi era anche una gradazione dei medici militari in medicus legionaris di grado superiore al medicus coorti, ed infine il medicus ordinarii che aveva il grado corispondente a quello di centurione, ma senza un comando effettivo su i soldati.

Le operazioni chirurgiche avvenivano di solito con il malato più o meno narcotizzato e che doveva esser tenuto fermo dagli assistenti dei chirurghi romani che non esitavano a «tagliare e bruciare», come riferisce Seneca, per averli visti all’opera, equiparando a crolli e incendi «le carneficine dei medici quando operano le ossa o infilano le mani nelle profondità degli intestini»

Il salasso era considerato una sorta di panacea per molte malattie e pur essendovi una farmacopea abbastanza sviluppasta nella Roma antica non esisteva la professione del farmacista: il medico preferiva confezionarsi da solo i farmaci da adoperare badando bene a dar loro un profumo o un colore piacevole.

DECADENZA DELLA MEDICINA ROMANA                                                       Con la caduta dell’impero romano decade anche la medicina romana: il Medioevo si delinea con le sue grandi epidemie e pestilenze e centinaia di migliaia di vittime. Con il sorgere del Cristianesimo, il culto di Esculapio-salvatore, è sostituito dal Cristo, medico dell’anima e del corpo: il Vangelo si rivolge agli ammalati e si parla di guarigione come di divino intervento. La medicina religioso-cristiana combatte le formule magiche e promuove le preghiere, l’imposizione delle mani e le unzioni con olio santo e studi e ricerche scientifiche vengono considerati inutili. L’influsso delle correnti mistiche orientali incontra questa medicina religiosa e si fonde in una medicina popolare che ricorre al culto di santi guaritori (antico e non dimenticato concetto) che, con il tempo e con l’influsso bizantino, si trasformerà in medicina conventuale che, specie con l’uso delle erbe medicinali e la riscoperta degli antichi testi medici, segnerà l’inizio di una nuova scienza medica.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

EPOCA POST- GALENICA (III sec. d.C.)

Alcuino.Edizione medioevale di un’opera di Galeno

La crisi economica e politica dell’Impero romano procedette di pari passo con la decadenza della medicina. I medici dell’epoca furono fortemente influenzati da Galeno, ma non aggiunsero nulla di nuovo alle sue teorie. L’avvento del Cristianesimo contribuì a questa crisi, poiché segnò il ritorno alla medicina teurgica. La preghiera diventò il più prezioso dei farmaci e ai Santi fu attribuito il compito di difendere dalle malattie e di intercedere per la guarigione. La medicina era esercitata sopratutto nei monasteri, specie in quelli benedettini. In questi luoghi si tramandavano le conoscenze mediche dell’antichità e le si metteva in pratica spinti da intenti caritativi. Alcuni monaci, tuttavia, diedero un contributo personale scrivendo trattati di medicina. Tra questi ricordiamo Alcuino, il medico di Carlo Magno.

    

       AIKATERINI  KARYDI  ©

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://katrinmed.wordpress.com/2009/03/09/la-medicina-greco-romana/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: