LA MEDICINA NEL 1800

clock

 

STORIA DELLA MEDICINA

 

LA MEDICINA NEL 1800

 

Nell’ottocento nasce la medicina contemporanea.
È il secolo in cui si sviluppano le discipline mediche moderne:

• la citologia (Roberto Brown, Matteo Schleiden e Theodor     Schwann)

• la fisiologia (Berzelius, Taddei, von Liebig, Moleschott e molti altri)

• la microbiologia (Pasteur)

• l’ immunologia (Koch)

• la fisiopatologia (Laennec)

Nell’800 sparisce la figura del medico solitario e geniale, le cui intuizioni segnano le tappe del progresso. Le scoperte diventano il frutto della collaborazione di molti studiosi, ciascuno dei quali è specializzato in un particolare aspetto della questione. Tecnologia e medicina vanno di pari passo: la prima fornisce gli indispensabili strumenti necessari al progresso della seconda. Le ricerche sono sempre più numerose; il mare delle conoscenze è ampio e caotico; per questo motivo diventa indispensabile per la comunità medica internazionale riunirsi periodicamente per fare il punto. A questo scopo nascono i congressi, ancora oggi un’importante strumento per lo scambio di informazioni tra medici. ‘E la medicina odierna; una la medicina scientifica, consapevole del fenomeno e della sua causa, in grado di variare i parametri che comandano ogni cosa.

 

AGOSTINO BASSI 

Agostino Bassi
Agostino Bassi

Agostino Bassi (Mairago 1773-Lodi 1856) fu il pioniere della moderna batteriologia. Bassi era un avvocato, figlio di ricco proprietario terriero, il quale aveva la passione per la biologia. Il padre non voleva che facesse il biologo, ma che si occupasse delle sue terre e che entrasse nella amministrazione imperiale. Egli comunque all’Università di Pavia, durante i sui studi in giurisprudenza, frequentò parallelamente anche corsi di fisica, chimica e medicina tenuti da docenti come Volta, Scarpa, Rasori e seguì costantemente le lezioni dell’abate Spallanzani, fino a quando questi morì. Un giorno le sue bigattaie (le bigattaie sono i filari su cui si conservano i bacchi da seta) furono funestate da una malattia terribile, il mal del calcino o del calcinaccio o moscardino, (malattia del baco da seta) che uccideva improvvisamente i bachi, riducendoli a dei pezzi di gesso. Il Bassi, nel 1807, messosi pazientemente a studiare per cercare di capire se c’era un organismo vivente alla base di questo fenomeno, nel 1835 scoprì un fungo, che fu chiamato Botritis o Beauveria Bassiana, che provocava la morte dei bachi. Egli trovò anche un disinfettante per difendersi da questo fungo e per ripulire le bigattaie. Il suo trattato “Del Mal del Segno, Calcinaccio o Moscardino” venne tradotto in francese e diffuso in Europa. Partendo da questa importante scoperta il Bassi teorizzò che tutte le patologie contagiose animali e vegetali sono causate da parassiti, come spiegò nel suo scritto dal titolo Del contagio in generale (1844). Subito dopo ci fu la scoperta dell’eziologia fungina di certe malattie come la tigna dei capelli. Il lavoro di Bassi influenzò moltissimo Louis Pasteur (1822-1895) (nello studio di Pasteur c’erano sia il ritratto di Spallanzani, sia quello di Bassi). Fu anche l’autore di un lavoro sulla coltivazione delle patate, sul formaggio, sulla vinificazione, sulla lebbra e sul colera.

 

GIANBATTISTA AMICI

Allora si vedevano solo i funghi e i protozoi, il microscopio non era ancora arrivato a visualizzare i batteri. Solo negli anni 20 dell’800 Gian Battista Amici (1786-1863), un astronomo che costruiva telescopi, inventò il prisma di riflessione. (Poi il microscopio fu perfezionato soprattutto da inglesi e tedeschi). Questo permise un aumento del potere di risoluzione del microscopio.

 

GREGOR JOHANN MENDEL

Gregor Mendel

Gregor Mendel

Scoperte importanti furono la teoria dell’evoluzione di Charles Darwin (1809-1882) e le leggi della genetica individuate verso il 1870 da Gregor Mendel (Hynčice 1822– Brno 1884) biologo e monaco agostiniano ceco-austriaco, considerato, per le sue osservazioni sui caratteri ereditari, il precursore della moderna genetica. Queste leggi sono state riscoperte trent’ anni dopo da Hugo deVries (1848-1935). Queste ultime leggi furono inizialmente ignorate e poi riscoperte dopo trent’anni. Un’altra conseguenza della teoria cellulare fu l’uso dei coloranti per dimostrare le lesioni che Virchow era riuscito a dimostrare solo in parte perchè aveva a disposizione solo il carminio. Poco dopo vennero introdotti altri coloranti come l’ematossilina-eosina e vennero affinate le tecniche di preparazione dei tessuti: microtomia, inclusioni in paraffina, ecc.

 

LOUIS PASTEUR

Louis Pasteur

Louis Pasteur

Louis Pasteur, fu tra i padri della microbiologia
Louis Pasteur (Dole 1822 – Marnes-la-Coquette 1895) è stato un chimico e biologo francese.Grazie alle sue scoperte e alla sua attività di ricerca è universalmente considerato il fondatore della moderna microbiologia. Ha inoltre operato nel campo della chimica, e di lui si ricorda la teoria sull’enantiomeria dei cristalli. Occasionalmente si occupò anche di fisica.

 

JOSEPH LISTER

Joseph Lister

Joseph Lister

L’articolo di Pasteur sulla teoria della generazione spontanea finì tra le mani di un chimico inglese che lo fece vedere al chirurgo Lord Joseph Lister (Upton 1827-Walmer 1912) , medico britannico operante ad Edimburgo, che fu impressionato da tale ipotesi (i germi erano i responsabili dell’infezione) . Ispirandosi al fatto che per bonificare le fogne di una cittadina inglese era stato usato il fenolo, nebulizzò tale sostanza sul tavolo operatorio durante l’intero intervento chirurgico, ottenendo una drastica riduzione dei decessi per sepsi della ferita. Tale processo venne chiamato antisepsi. Professore di chirurgia, fu l’inventore e il propugnatore del metodo dell’ antisepsi rivoluzionando, non senza gravi contrasti, l’atteggiamento e l’approccio dei chirurghi alla pratica operatoria. Più tardi si capì che la sterilizzazione preventiva (asepsi) introdotta da Ernst von Bergmann (1836-1907), chirurgo tedesco, era più pratica ed efficace dell’antisepsi. L’uso dei guanti in gomma fu introdotto dal chirurgo americano William Halstead (1852-1922). Professore di chirurgia, fu l’inventore e il propugnatore del metodo dell’antisepsi rivoluzionando, non senza gravi contrasti, l’atteggiamento e l’approccio dei chirurghi alla pratica operatoria.

 

ROBERT KOCH

Robert Koch

Robert Koch

Altro grande microbiologo fu Robert Koch (1843-1910), premio Nobel 1905, scoprì il vibrione del colera, ma ci si accorse che in realtà la cosa era stata già descritta in modo chiarissimo da Pacini. Ci fu un lungo contenzioso che fu risolto dando la priorità a Pacini; dal punto di vista pratico questa priorità era inesistente perché non si diffuse nell’ambiente scientifico essendo troppo precoce. Fu autore dei famosi postulati di Koch, secondo cui quando si scopre una malattia il germe responsabile va isolato, coltivato in vitro, reinserito nell’animale per dare nuovamente la malattia e di nuovo isolato. Nel 1882 scoprì il bacillo responsabile della tubercolosi e pensò di aver scoperto anche la terapia grazie alla tubercolina: purtroppo fu un tragico errore perché tale sostanza ha solo valore diagnostico e non terapeutico. Nel 1884 scoprì il bacillo del colera, descritto però vent’anni prima da Filippo Pacini, ispirato da Agostino Bassi.
La teoria dei germi, basata sugli studi di Pasteur, Koch, Emil von Behring (1854-1917), Shibasaburo Kitasato (1852-1931), Almroth Edward Wright (1861-1941) e molti altri, ebbe, almeno nel mondo occidentale, un influenza grandissima anche sulla vita di tutti i giorni e, persino, sulla economia. Fu la paura dei germi a far sì che le donne smettessero l’uso delle sottovesti multiple e delle gonne lunghe tipiche dell’età vittoriana e che gli uomini si radessero il viso. Un’altra conseguenza fu la nascita della moderna industria degli apparecchi igienico-sanitari, dei disinfettanti per le case e quella degli accessori usa e getta: carta igienica, assorbenti, bicchieri e fazzoletti di carta, etc.

 

RENE’ LAENNEC

Renè Laennec

Renè Laennec

Renè Theophile Laennec (1781-1826), medico di Napoleone e allievo di Corvisart , inventò lo stetoscopio un tubo precursore dei fonendoscopi moderni, che permetteva l’ascoltazione del respiro, dei battiti cardiaci etc. In origine costituito da un tubo di legno che serviva per ascoltare il torace. Infatti non si poteva poggiare l’orecchio sul torace del malato, soprattutto nel caso il paziente fosse una donna, in particolar modo se di condizioni agiate; al medico era concesso solo ispezionare le urine e misurare il polso radiale.

Il fonendoscopio di Laennec

Il fonendoscopio di Laennec

Già nel primo ‘700 tutti i tempi del processo semeiologico: osservazione, palpazione, percussione e ascoltazione sono stati messi a punto. Laennec, che poi morì di tisi, diede dei contributi molto importanti alla definizione di molte malattie polmonari: le polmoniti, la tubercolosi, che ancora non era considerata una malattia unica, ma si pensava che esistessero tre tipi di malattia (tisi o consunzione, lupus, scrofola [era la TBC linfoghiandolare]). Diede comunque importantissimi contributi con l’uso dello stetoscopio.
L’importanza dello stetoscopio derivava dal fatto che non si poteva ascoltare con l’orecchio il petto di una donna: era assolutamente impensabile che un uomo potesse poggiare l’orecchio a contatto con la mammella di una donna, e tale strumento serviva soprattutto a questo.

Auscultazione

Auscultazione

L'auscultazione, Laennec

L'auscultazione, Laennec

 

 

 

 

MANUEL GARCIA

Manuel Garcia (1805-1906) era un tenore che, per vedere come erano le sue corde vocali, inventò il laringoscopio. In questo periodo venne inventato l’esofagoscopio: un medico vide un ingoiatore di spade ed ebbe l’idea di mettere anziché la spada una luce all’estremità di un tubo per vedere l’esofago. Si illuminava dall’alto con la fiamma della candela che rifletteva su uno specchietto e permetteva di vedere, tramite un tubo cavo, l’interno dell’esofago.
Uno dei problemi più importanti della chirurgia, a parte la sepsi, perchè si operava a mani nude, era il fatto che non esisteva l’anestesia. Fu scoperta casualmente in America da diversi personaggi tra cui Horace Wells (1815-1848) e William Green Morton (1819-1868). In America, durante le feste, si faceva uso di etere, e capitava che le persone, sotto quest’effetto, non sentivano più il dolore. Questo venne subito utilizzato per l’estrazione dei denti. Successivamente ci fu una terribile disputa su chi l’avesse scoperto per primo, tant’è vero che fu messo in palio un premio, mai riscosso.
Oltre all’ etere si utilizzavano il il protossido di azoto ed il cloroformio; l’anestesia con cloroformio fu praticata alla regina Vittoria in occasione del parto del principe Leopoldo.

 

La prima anestesia con etere sperimentata a Boston per l' asportazione di un tumore, praticata inizialmente da un destista, William Thomas Green Morton, in alto a destra, che partecipa all' intervento .

La prima anestesia con etere sperimentata a Boston per l' asportazione di un tumore, praticata inizialmente da un destista, William Thomas Green Morton, in alto a destra, che partecipa all' intervento .

 

RUDOLF VIRCHOW

Rudolf Virchow

Rudolf Virchow

Rudolf Virchow (1821-1902) nel 1859 portò l’attenzione sul fatto che le lesioni delle malattie si potevano riscontrare a livello cellulare e quindi pubblicò il suo famoso trattato “La patologia cellulare”. Fu fondatore dell’ istopatologia, ancor oggi base della diagnostica. Ha denominato per la prima volta, nel 1853, la sostanza di deposito nella malattia di Alzheimer, l’ amiloide, termine tuttavia fuorviante in quanto questa sostanza si rivelò successivante di natura proteica. Coniò il termine di leucemia e la descrisse; fu inoltre un grande antropologo. Virchow, infatti , fu colui che dimostrò che nell’uomo non esistevano delle razze, tanto è vero che Hitler non gli perdonò mai il fatto di aver negato l’esistenza di una razza tedesca. Fu anche un uomo politico di sinistra e si impegnò per migliorare le condizioni igieniche dei minatori. Tuttavia prese anche dei “granchi”: non credeva alla dottrina del contagio attraverso i germi formulata da Pasteur. Si passa ad un livello più sottile rispetto a quanto sostenuto dal Morgagni, perchè diceva che bisognava cercare le lesioni nei tessuti. La curiosità sta nel fatto che Bichat, nel suo libro Anatomia Generale, in cui viene negato l’uso del microscopio, coniò il termine di istologia. L’idea venne ripresa da uno scienziato tedesco, un anatomopatologo, Rudolf Wirchow, dopo che era stata formulata la teoria della cellula da parte di un botanico, Mathias Jacob Schleiden (1804-1881), il quale affermò che i tessuti vegetali erano formati da cellule. Questo fu ripreso da un grande istologo: Theodor Schwann (1810-1882) . Egli dimostrò (1839) questa teoria negli animali: la teoria cellulare (1839).

 

Virchow assiste ad un intervento chirurgico di asortazione di un tumore, 1900

Virchow assiste ad un intervento chirurgico di asortazione di un tumore, 1900

 

BARTOLOMEO CAMILLO EMILIO GOLGI

Camillo Golgi

Camillo Golgi

Il metodo per studiare il sistema nervoso (reazione nera) fu messo a punto da Camillo Golgi (Corteno Golgi 1843-Pavia 1926): grazie a questa metodica si mettevano in evidenza i prolungamenti cellulari (il metodo di Golgi utilizza l’argento ed è detto reazione nera). Un emulo di Golgi, Santiago Ramon y Cajal (1852-1934) mettendo insieme nozioni quali il concetto di neuroni come entità cellulari indipendenti, formulato da Vilhelm His (1831-1904) e poi da Charles Scott Sherrington (1857-1952), il concetto di neurite come prolungamento cellulifugo e quello di dendrite come prolungamento cellulipeto, riuscì guardando, le cellule della retina, a mettere insieme le prime vie nervose su base morfologica. In seguito si è visto che il senso della corrente dipende dalla natura della sinapsi, non dalla sua posizione. Osservando preparati d’argento con il microscopio, sembra di vedere una rete. Perciò Golgi sosteneva che i neuroni non erano entità separate ma connesse ad una rete nervosa. Cajal estrapolò il concetto di cellula, come unità indipendente, ai neuroni e fu colui che diede dei contributi formidabili alla neuroanatomia. Cajal era spagnolo, ma la Spagna in quel periodo era silente dal punta di vista scientifico, Golgi era di Pavia, città, fino al 1860, sotto il dominio austriaco; ciò permise che tutte le scoperte italiane venissero diffuse in Europa centrale e tradotte in lingua tedesca. Al termine del dominio austriaco l’Italia ridiventò un paese provinciale e la scoperta di Golgi venne poco recepita all’estero. Cajal, invece, diffuse le sue scoperte andando ai congressi e parlando e scrivendo in francese e tedesco. Nel 1906 ebbero insieme il premio Nobel per la medicina. Golgi diede, inoltre, notevoli contributi a studi di patologia sulla malaria; mise in relazione la comparsa della febbre con la fuoriuscita del parassita nel sangue.

 

 HENRY  GRAY    

 

 

 

 

 

 

Henry Gray

Henry Gray

 

 

 

Henry Gray (1825-1861) anatomista e chirurgo inglese, viene eletto membro della Royal  Society alla giovanissima età di 25 ani. Diviene famosissino per il suo libro di anatomia descrittiva e chirurgica  Gray’s Anatomy. La sua stesura, avvenuta insieme al suo collega  Henry  Vandyke Carter, nasce dall’ esigenza di produrre un libro di anatomia per gli studenti. Il testo, che è anche illustrato, è tuttora utilizzato ed è il punto di riferimento per gli studenti di medicina, in tutto il mondo.

      

 

 AIKATERINI  KARYDI   ©

                          

Annunci

The URI to TrackBack this entry is: https://katrinmed.wordpress.com/2009/03/09/la-medicina-nel-1800/trackback/

RSS feed for comments on this post.

2 commentiLascia un commento

  1. un consiglio: togliete tutti quei vecchi baccucchi e mettete qualche affascinante e giovane …..
    buon lavoro

  2. Thank you, I’ve just been looking for info approximately this topic for a long time and yours is the greatest I’ve came upon till now.

    But, what about the conclusion? Are you positive concerning the supply?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: